Come stuccare il cartongesso attrezzi e tecniche da conoscere

Il cartongesso è un materiale molto diffuso nelle costruzioni moderne per la realizzazione di pareti, contropareti e controsoffitti. È economico, versatile e facile da installare. Tuttavia, proprio per la sua natura può presentare giunture e imperfezioni che è necessario trattare con prodotti e tecniche apposite.

Per la posa del cartongesso lo stucco è un materiale fondamentale, perché consente di ottenere superfici lisce e omogenee, nascondendo giunture e imperfezioni. 

Stuccare il cartongesso non è un'operazione banale, richiede attrezzatura adeguata, tecniche specifiche e un po' di esperienza. Vediamo quindi come stuccare correttamente il cartongesso, quali attrezzi utilizzare e quali sono le tecniche migliori per ottenere una superficie perfettamente liscia e pronta per essere rifinita. 

 

I principali vantaggi del cartongesso in edilizia: scarica la guida!

Gli attrezzi per stuccare il cartongesso

Per stuccare correttamente le giunzioni e le teste delle viti nel cartongesso, sono necessari alcuni attrezzi specifici: 
  • Spatola per stucco: è lo strumento fondamentale per applicare e stendere lo stucco sulle superfici. Deve avere una lama flessibile in acciaio inox. Scegliere dimensioni e forme diverse (quadre, ovali o a campana, ecc) per raggiungere angoli e profili di ogni tipo. La spatola per cartongesso va utilizzata per distribuire il prodotto sulle giunzioni, facendo attenzione a comprimere bene lo stucco per farlo aderire.
  • Frattazzo per stuccatura: serve per la prima rasatura della superficie dopo aver applicato lo stucco con la spatola. La dimensione ideale della lama è 120-140 mm. Con il frattazzo per stucco si eliminano gli eccessi di prodotto steso con la spatola e si compattano eventuali cavità, ottenendo una superficie liscia.
  • Spatole per rasatura cartongesso: in commercio si possono trovare anche speciali spatole per rasatura composte da lame flessibili, di varie dimensioni e dotate di manici ergonomici. Queste agevolano notevolmente tutta l’operazione di rasatura del cartongesso, permettendo la lisciatura dello stucco in un unico passaggio.
  • Raschietto per cartongesso: è utile per eliminare eventuali grumi o residui di stucco secco rimasti sulla lastra di cartongesso durante la stuccatura. Si tratta di una spatola più piccola e rigida con una lama tra i 50 e gli 80 mm. Va utilizzato con attenzione per non graffiare la superficie del cartongesso.
  • Spugna abrasiva per cartongesso: va utilizzata dopo la rasatura con il frattazzo, per eliminare eventuali residui di stucco e ottenere una finitura molto liscia. Esistono spugne abrasive con grana più o meno fine, si consiglia quella media per il cartongesso. La spugna va inumidita con poca acqua prima dell'utilizzo.
  • Carta vetrata: per levigare lo stucco essiccato e ottenere una superficie liscia. Meglio optare per grana fine (120-150).
  • Pennellessa: per applicare colla e primer sulle giunture prima di stendere lo stucco.
  • Vaschetta per stucco o Secchio graduato: per preparare lo stucco nelle quantità necessarie miscelandolo con acqua. In commercio si possono trovare vaschette per stucco con angoli arrotondati che permettono di eliminare il problema dei residui di stucco che si possono formare ai lati della stessa.
  • Spatola per stucco a lama dritta o Cazzuola: per miscelare lo stucco con l'acqua fino a ottenere un impasto omogeneo e senza grumi.
  • Nastro carta per cartongesso: si tratta di un nastro di carta microforata adesiva che viene applicato su tutte le giunture prima di stuccare, in modo da poter rinforzare le giunture ed ottenere una finitura dello stucco impeccabile. In commercio si trovano nastri carta cartongesso di varie dimensioni e con piegature integrate per aderire in modo uniforme nelle giunture ad angolo del cartongesso.
Per stuccare il cartongesso in maniera professionale, ci sono poi alcuni attrezzi che offrono una serie di notevoli vantaggi, come una maggiore velocità di lavoro e un risultato di applicazione perfetto e omogeneo. Vediamo ora quali sono questi attrezzi professionali.

Stuccatrice Banjo per cartongesso: cos'è e come si usa

Il banjo cartongesso è uno strumento automatico utilizzato per applicare contemporaneamente stucco e nastro carta microforata sulle giunzioni e fughe delle parti piane del cartongesso, facilitando e velocizzando la stuccatura. Questo strumento è composto da un serbatoio per lo stucco e un porta nastro per il rotolo di carta microforata adesiva. 

Ecco come funziona il banjo per cartongesso: 

  • Versa il composto stucco all'interno del serbatoio del banjo. 
  • Inserisci il nastro carta microforata per cartongesso nel porta nastro. 
  • Regola la manopola per dosare la quantità di stucco che verrà applicata sul nastro.
  • Utilizza il banjo per applicare stucco e nastro contemporaneamente lungo le giunzioni e fughe del cartongesso.
  • Taglia la giuntura con una spatola per stucco a lama tagliente. 
  • Usa la ruota grande e la ruota seghettata per gli angoli. 

Il banjo per cartongesso è un'ottima soluzione per ottenere una stuccatura corretta e uniforme delle superfici in cartongesso, garantendo una finitura liscia e pronta per la rasatura finale o la tinteggiatura. 

Come scegliere il miglior Banjo per cartongesso 

Scegliere il miglior banjo cartongesso dipende da vari fattori, tra cui il budget disponibile, il tipo di esigenze e preferenze personali. Ecco alcuni suggerimenti utili per la scelta del banjo cartongesso più adatto alle proprie esigenze: 

  • Materiali: scegliere un banjo realizzato con materiali di alta qualità, come l'ABS o la plastica resistente, che garantiscano durata e resistenza nel tempo.
  • Capacità del serbatoio: un serbatoio di stucco di dimensioni adeguate permetterà di lavorare più a lungo senza dover riempire frequentemente il serbatoio. Ad esempio, il
    Banjo DELKO ha un serbatoio da 2 litri di stucco che permette di stuccare da 8 a 12 giunti per 2,5 metri.
  • Regolazione del dosaggio: un banjo cartongesso con una manopola per regolare il dosaggio dello stucco permetterà di applicare la quantità giusta di stucco sul nastro, garantendo una stuccatura uniforme e precisa.
  • Facilità d'uso: un banjo cartongesso con una buona ergonomia, come un maniglione superiore e una cinghia di presa laterale, lo rende facile da maneggiare e da utilizzare.
  • Versatilità: un banjo cartongesso con un applicatore a doppio attacco, come una ruota angolare interna e un applicatore piatto borchiato, permetterà di applicare stucco e nastro su giunti piatti, angoli interni e set quadrati.

Tenendo conto di questi fattori, è possibile scegliere il banjo per cartongesso più adatto alle proprie esigenze in modo da poter ottenere una stuccatura corretta e uniforme delle superfici in cartongesso.

Consigli e trucchi per utilizzare al meglio il Banjo per cartongesso

Ecco alcuni consigli e trucchi per utilizzare al meglio il banjo per cartongesso: 
  • Preparazione del composto: assicurarsi di preparare il composto stucco con la giusta consistenza, né troppo liquido né troppo spesso, per garantire un'applicazione uniforme e senza grumi. In commercio esistono composti di stucco già pronto che in questi casi è l’ideale, come lo stucco PERFECT JOINT IN PASTA di SEMIN.
  • Regolazione del dosaggio: regolare la manopola del banjo per dosare la quantità di stucco che verrà applicata sul nastro carta microforata, in base alle esigenze specifiche del proprio progetto.
  • Utilizzo della ruota angolare: usare la ruota angolare fornita con il banjo per applicare stucco e nastro negli angoli interni delle lastre di cartongesso.
  • Mantenimento della pressione costante: durante l'applicazione, mantenere una pressione costante sul banjo per garantire un'applicazione uniforme dello stucco lungo le giunzioni e fughe del cartongesso.
  • Pulizia regolare: pulire regolarmente il banjo per evitare accumuli di stucco e garantire un funzionamento ottimale.
  • Pratica e velocità: con la pratica, sarete in grado di aumentare la velocità di applicazione, arrivando a stuccare fino a 20 metri di nastro e stucco in meno di 60 secondi.
  • Utilizzo di accessori aggiuntivi: considerare l'utilizzo di accessori aggiuntivi, come trampoli da lavoro, per raggiungere facilmente le aree più alte durante la stuccatura senza dover utilizzare scale o ponteggi. Anche l’uso di apposite siringhe per stucco velocizzano notevolmente il lavoro durante il caricamento di composto all’interno del serbatoio del banjo.
Seguendo questi consigli e trucchi, è possibile utilizzare al meglio il banjo per cartongesso e ottenere una stuccatura corretta e uniforme delle superfici in cartongesso, garantendo una finitura liscia e pronta per la lavorazione finale.

Bazooka Cartongesso: come funziona e come si usa

Il Bazooka per cartongesso è un attrezzo automatico utilizzato per applicare simultaneamente nastro di carta e la corretta quantità di stucco su pareti e soffitti, facilitando e velocizzando la stuccatura. Questo strumento è progettato per essere utilizzato con stucchi in pasta specifici per cartongesso, come il CE 78 Perfect Joint di SEMIN o stucchi similari. 
Ecco come funziona il Bazooka per cartongesso: 
  • Riempire il serbatoio del Bazooka con il composto stucco. Questa operazione è molto agevole grazie all’uso di apposite pompe di caricamento stucco.
  • Inserire il nastro di carta per cartongesso nel meccanismo di alimentazione del nastro.
  • Utilizzare il Bazooka per applicare il nastro carta microforata e lo stucco lungo le giunzioni e gli angoli interni delle lastre di cartongesso.
  • Il Bazooka distribuisce uniformemente lo stucco sul nastro carta mentre viene applicato, garantendo una stuccatura precisa e omogenea.

Il Bazooka cartongesso è un'ottima soluzione per ottenere una stuccatura corretta e uniforme delle superfici in cartongesso, garantendo una finitura liscia e pronta per la rasatura finale e la tinteggiatura. 

Come scegliere il miglior Bazooka cartongesso

La scelta del miglior Bazooka per cartongesso si basa su diversi criteri, quali il budget a disposizione, le esigenze specifiche e le preferenze individuali. Di seguito si propongono alcune considerazioni per facilitare la selezione del Bazooka più adeguato alle proprie necessità: 
  • Materiali di qualità: optare per un Bazooka cartongesso costruito con materiali pregiati, ad esempio l'acciaio inox e l'alluminio, assicurerà longevità e robustezza nel corso del tempo.
  • Leggerezza: scegliere un Bazooka dal peso ridotto, come il Bazooka TapePro che pesa 3 kg, contribuirà a diminuire la fatica e permetterà di lavorare per periodi più lunghi e con maggiore rapidità.
  • Semplicità nell'utilizzo: prediligere un Bazooka cartongesso dotato di caratteristiche che ne agevolino l'impiego, quali un tubo di controllo dalla presa confortevole, un porta nastro a sgancio rapido e un sistema di frenata regolabile.
  • Adattabilità: Verificare che il Bazooka cartongesso sia compatibile con il particolare stucco in pasta destinato al cartongesso che si desidera impiegare, come CE 78 Perfect Joint di SEMIN o stucchi similari. 
Considerando gli aspetti sopracitati, sarà possibile individuare il Bazooka per cartongesso più idoneo alle proprie necessità, assicurando una stuccatura precisa e omogenea delle
superfici in cartongesso e ottenendo una finitura levigata e pronta per essere verniciata.

Suggerimenti e Metodi per l'uso del Bazooka per Cartongesso

Il bazooka cartongesso rappresenta un valido strumento per applicare lo stucco nei giunti dei panelli in cartongesso. Esso consente di applicare lo stucco in modo rapido e uniforme, oltre a facilitare la procedura eliminando possibili errori di esecuzione. 

Ad esempio per il Bazooka di TapePro la resa di un solo operatore è certificata in 350 metri lineari di incollaggio nastro in carta e applicazione stucco al giorno. 

Di seguito sono elencati alcuni consigli e metodi utili per sfruttare appieno tale dispositivo: 

  • Preparazione dello stucco: è importante che lo stucco presenti la corretta consistenza. Tale materiale deve essere sufficientemente denso da aderire al cartongesso, ma non eccessivamente denso da risultare difficile da stendere. Gli stucchi già pronti in questo caso sono i più consigliati.
  • Riempimento del serbatoio: è fondamentale che il serbatoio del bazooka sia pieno di stucco, onde evitare di esaurirlo durante l'esecuzione del lavoro.
  • Inserimento del nastro: si consiglia di inserire il nastro di carta microforata nel meccanismo di alimentazione assicurandosi che sia allineato correttamente, in modo da garantirne un'uscita fluida.
  • Mantenimento di una pressione costante: durante l'applicazione dello stucco, è opportuno mantenere una pressione costante sulla bazooka cartongesso, al fine di garantire un'applicazione uniforme dello stucco.
  • Pulizia periodica della bazooka: al termine dell'utilizzo della bazooka cartongesso, è necessario provvedere a un'accurata pulizia, in modo da prevenire l'essiccazione dello stucco all'interno del serbatoio e il conseguente intasamento.
  • Perfezionamento attraverso la pratica: l'abilità nell'utilizzo della bazooka per cartongesso aumenta con la pratica, pertanto si raccomanda di sperimentare e praticare fino a raggiungere una padronanza adeguata.
  • Impiego di accessori aggiuntivi. Esistono diversi accessori aggiuntivi utilizzabili con il bazooka per cartongesso, come le pompe per bazooka, che velocizzano la procedura di riempimento. 

Tenendo conto di questi suggerimenti e metodi, si potranno ottenere risultati professionali e sfruttare al meglio la bazooka per cartongesso. 

Ecco alcuni ulteriori suggerimenti e metodi per ottenere un lavoro a regola d'arte: 

  • Si consiglia di applicare lo stucco con leggerezza, per evitare di applicarne troppo e rendere difficile la successiva levigatura. 
  • È opportuno utilizzare una levigatrice per cartongesso manuale con dischi abrasivi per lisciare lo stucco una volta asciutto, garantendo così una finitura liscia.
  • Si raccomanda di applicare un primer allo stucco prima di procedere con la verniciatura, in modo da favorire l'adesione della vernice alla superficie e ottenere una finitura più uniforme. 
  • Per ottenere i migliori risultati, si suggerisce di utilizzare vernici di qualità, che garantiranno una finitura resistente e duratura nel tempo.

Box per stuccatura dei giunti piani del cartongesso

Il box per stuccatura dei giunti piani del cartongesso, chiamato anche "Flat Box", è uno strumento progettato per facilitare e velocizzare la stuccatura dei giunti piani delle lastre di cartongesso. Questo attrezzo è costituito da un contenitore di stucco e una piastra di pressione montata su un asse per un'applicazione più agevole e precisa. Le rotelle sono montate su un asse fisso per garantire una maggiore rigidità e scorrevolezza. 

Il box per stuccatura dei giunti piani del cartongesso è disponibile in diverse misure, adatte sia per la prima che per la seconda mano di stuccatura. Utilizzando questo strumento, è possibile ottenere una stuccatura corretta e uniforme delle superfici in cartongesso, garantendo una finitura liscia e pronta per la successiva finitura.

Quali sono i vantaggi nell'utilizzare il box per stuccatura dei giunti piani del cartongesso rispetto al Bazooka

I vantaggi nell'utilizzare il box per stuccatura dei giunti piani del cartongesso rispetto al Bazooka includono: 
  • Costo inferiore: il box per stuccatura dei giunti piani del cartongesso tende ad avere un costo inferiore rispetto al Bazooka, rendendolo una soluzione più economica sia per i professionisti che per gli appassionati del fai-da-te.
  • Facilità d'uso: il box per stuccatura è generalmente più facile da usare rispetto al Bazooka, soprattutto per chi è alle prime armi con la stuccatura del cartongesso.
  • Manutenzione ridotta: la drywall flat box richiede meno manutenzione rispetto al Bazooka per cartongesso, poiché non ha componenti meccanici complessi che potrebbero richiedere riparazioni o sostituzioni nel tempo.
  • Maggiore controllo: utilizzando la drywall flat box, si ha un maggiore controllo sull'applicazione dello stucco, il che può portare a una finitura più precisa e uniforme alle giunture piane del cartongesso.
  • Versatilità: le drywall flat box sono disponibili in diverse dimensioni, adatte sia per la prima che per la seconda mano di stuccatura, offrendo una maggiore versatilità rispetto al Bazooka. 

Tuttavia, è importante notare che il Bazooka per cartongesso offre alcuni vantaggi in termini di velocità e automazione, il che lo rende una scelta ideale per i professionisti che lavorano su grandi progetti o che richiedono una maggiore efficienza. In definitiva, la scelta tra il box per stuccatura e il Bazooka per cartongesso dipende dal tipo di progetto che si intende realizzare, dalle esigenze personali e dal budget disponibile. 

Resta inteso, ovviamente, che l'uso combinato dei due strumenti consente di ottenere vantaggi operativi in termini di velocità ed esecuzione durante l'intero processo di stuccatura dei giunti del cartongesso.

La scelta del miglior box per stuccatura dei giunti piani del cartongesso

Per scegliere il miglior box per stuccatura dei giunti piani del cartongesso, si devono considerare le seguenti caratteristiche:

  • Materiali di alta qualità: prediligere box realizzati con materiali di alta qualità, come l'alluminio anodizzato, in modo da garantire durata e resistenza nel tempo.
  • Peso leggero: un drywall flat box leggero permette di lavorare più a lungo e più velocemente, riducendo l'affaticamento.
  • Facilità d'uso: scegliere un box per stuccatura con caratteristiche che ne facilitino l'utilizzo, come una piastra di pressione montata su un asse per un'applicazione più agevole e precisa, e rotelle montate su un asse fisso per una maggiore rigidità e scorrevolezza.
  • Versatilità: assicurarsi che il drywall flat box sia disponibile in diverse dimensioni, adatte sia per la prima che per la seconda mano di stuccatura, offrendo una maggiore versatilità.

Tenendo conto di queste caratteristiche, si potrà scegliere il box per stuccatura dei giunti piani del cartongesso più adatto alle proprie esigenze, così da poter ottenere una stuccatura corretta e uniforme delle superfici in cartongesso, garantendo una finitura liscia e pronta per la verniciatura. 

Come si usa il box per stuccatura dei giunti piani del cartongesso

Ecco alcuni consigli per utilizzare al meglio il box per stuccatura dei giunti piani del cartongesso: 
  • Preparazione del composto: anche per l'uso di questo attrezzo, come già visto per il bazooka e il banjo, ci si deve assicurare che la consistenza dello stucco non sia troppo liquida, o troppo densa, questo per garantire un'applicazione uniforme e senza grumi.
  • Collegamento alla pompa: alcuni modelli permettono il collegamento di un'apposita pompa che permette di caricare lo stucco velocemente e in automatico. Questa tipologia di modelli permette una lavorazione più veloce con minore sforzo.
  • Applicazione uniforme: in base alla tipologia di esigenza e/o progetto da realizzare, regolare correttamente la piastra di pressione montata su un asse, assicura un'applicazione precisa e omogenea dello stucco lungo tutti i giunti del cartongesso.
  • Regolazione della tensione della lama: regolare la tensione della lama del drywall flat box per ottenere la quantità desiderata di stucco sulla superficie.
  • Pulizia: la pulizia regolare del flat box evita l'accumulo di stucco e garantisce un funzionamento ottimale nel tempo.
  • Pratica: anche per questo strumento la pratica d'uso protratta nel tempo permette di aumentare la velocità di applicazione e migliorare l'efficienza e la qualità della stuccatura. 

Seguendo questi semplici consigli, si potrà utilizzare al meglio il box per stuccatura dei giunti piani del cartongesso, ottenendo così una stuccatura corretta e uniforme di tutte le superfici in cartongesso.

Cosa sono i nastri per giunti cartongesso e come funzionano

I nastri per giunti cartongesso sono utilizzati per rinforzare e sigillare le giunzioni tra le lastre di cartongesso durante la fase di stuccatura. Esistono diverse tipologie di nastri per giunti cartongesso, tra cui: 
  • Nastro in carta microforata: Questo tipo di nastro è realizzato in carta rinforzata con fibre incrociate che lo rendono altamente resistente. Presenta una superficie ruvida e perforata per garantire una migliore adesione allo stucco. Alcuni modelli sono anche preformati, ovvero hanno delle piegature facilitate per una migliore adesione negli angoli delle giunture.
  • Nastro in rete autoadesiva: È un nastro in fibra di vetro con una struttura a rete e un lato autoadesivo, ideale per l'applicazione su qualsiasi tipo di supporto, come cartongesso/cartongesso o cartongesso/muratura.
  • Nastro in fibra di vetro (velovetro o feltro di vetro): Questo nastro è realizzato in fibre di vetro e viene utilizzato per conferire resistenza meccanica alla stuccatura, alleggerendo le tensioni che si creano sulle giunture a causa dei micro-movimenti fisiologici di assestamento della casa, urti e sollecitazioni meccaniche.

Durante la stuccatura, il nastro viene applicato lungo le giunzioni tra le lastre di cartongesso, coprendo le viti e riempiendo eventuali imperfezioni. Il nastro viene poi coperto con uno strato di stucco, che viene lasciato asciugare prima di applicare un secondo strato e procedere con la carteggiatura e la verniciatura. Utilizzando i nastri per giunti cartongesso, è possibile ottenere una superficie liscia e uniforme, pronta per la finitura.

Come scegliere i nastri per giunti cartongesso 

Per scegliere i migliori nastri per giunti cartongesso, si devono considerare i seguenti fattori: 
  • Tipo di nastro: come abbiamo già visto, esistono diverse tipologie di nastri per giunti cartongesso, tra cui nastro in carta microforata, nastro in rete autoadesiva e nastro in fibra di vetro (velovetro o feltro di vetro). La scelta del tipo di nastro dipende dalle esigenze specifiche e dalle caratteristiche delle lastre da trattare.
  • Adesività: scegliere un nastro per cartongesso con un'ottima adesività, in modo da garantire una buona aderenza allo stucco e una maggiore resistenza meccanica della stuccatura.
  • Resistenza: prediligere un nastro per giunti realizzato con materiali resistenti, come la fibra di vetro o la carta rinforzata, che garantiscono una maggiore resistenza meccanica e durata nel tempo).
  • Facilità d'uso: optare per un nastro per stuccatura facile da applicare e lavorare, come il nastro autoadesivo in rete, che non richiede una stuccatura base e può essere applicato su qualsiasi tipo di supporto. 

Tenendo conto di questi fattori, è possibile scegliere il nastro per giunti cartongesso più adatto alle proprie esigenze e ottenere una stuccatura corretta e uniforme delle superfici in cartongesso, garantendo una finitura liscia e pronta per la successiva finitura.

Procedure e consigli per utilizzare al meglio i nastri per giunti cartongesso 

Ecco alcuni consigli e trucchi per utilizzare al meglio i nastri per giunti cartongesso: 
  • Preparazione della superficie: prima di applicare il nastro per stucco, assicurarsi che la superficie delle lastre di cartongesso sia pulita e priva di polvere o detriti.
  • Applicazione dello stucco: prima di applicare il nastro per cartongesso, coprire le teste di viti e chiodi, le irregolarità e i giunti con lo stucco, aiutandoti con una spatola in acciaio.
  • Posizionamento del nastro: applicare il nastro in carta microforata sopra allo stucco fresco, centrando i giunti tra le lastre e facendo aderire il nastro allo stucco.
  • Pressione uniforme: durante l'applicazione del nastro per cartongesso, mantenere una pressione uniforme per garantire una buona adesione allo stucco e una maggiore resistenza meccanica della stuccatura.
  • Taglio del nastro: utilizzare un cutter, o un’apposita spatola con angoli affilati, per tagliare il nastro alla lunghezza desiderata, assicurandoti di non danneggiare la superficie del cartongesso.
  • Stuccatura finale: dopo aver applicato il nastro per cartongesso, procedere con la stuccatura finale, coprendo il nastro con uno strato di stucco e lasciandolo asciugare prima di applicare un secondo strato e procedere con la carteggiatura e la verniciatura. 

Seguendo questa semplice procedura, è possibile utilizzare al meglio i nastri per giunti cartongesso e ottenere una stuccatura corretta e uniforme delle superfici in cartongesso.

Le tecniche per stuccare il cartongesso

Esistono diverse tecniche per stuccare il cartongesso, che dipendono dal tipo di giunzione da trattare: 

Giunti Cartongesso a V 

Sono i più semplici da stuccare. Dopo aver applicato il nastro di carta, stendere uno strato sottile e omogeneo di stucco con la spatola. Lasciar asciugare leggermente e applicare un secondo strato più abbondante, lisciando con cura per ottenere una superficie liscia e coprente. 

Giunti Cartongesso a L 

In questo caso, dopo aver applicato il nastro di carta, è necessario rinforzare l'angolo con uno strato più spesso di stucco, usando il coltello della spatola. Passare poi alla spatola per stendere e lisciare lo stucco. 

Giunti Cartongesso a T 

Richiedono particolare attenzione. Dopo il nastro di carta, applicare prima lo stucco nell'incrocio, usando una spatola piccola per compattarlo bene nell'angolo. Poi stenderlo sul resto della giunzione con movimenti longitudinali. 

Angoli Cartongesso

Gli angoli interni ed esterni devono essere rinforzati con stucco applicato con il coltello della spatola. Stenderlo con cura per evitare crepe. 

Testa delle viti 

Le teste delle viti che fissano i pannelli di cartongesso vanno ricoperte con due strati di stucco, lisciando con attenzione con la spatola intorno alla vite.

Scegliere la tecnica adatta consente di stuccare il cartongesso in modo impeccabile.

Come preparare il cartongesso per lo stucco

Prima di stuccare, il cartongesso richiede alcuni trattamenti preliminari: 
  • Carteggiare leggermente le parti da stuccare, per migliorare l'adesione. Ripulire da polveri e sporco con un panno. 
  • Applicare un primer specifico per uniformare l'assorbimento. 
  • Trattare viti e giunture con colla vinilica per sigillarle. 
  • Applicare sopra il nastro di carta adesivo, posizionandolo perfettamente al centro della giuntura.
  • Applicare una prima passata di stucco a coprire il nastro, senza lisciarlo. Preparare bene il supporto garantirà uno stucco più compatto e resistente nel tempo.

Come stuccare il cartongesso: la fase di lavorazione

Una volta preparato il supporto, si può procedere con la vera e propria stuccatura
  • Preparare lo stucco miscelandolo con acqua in un secchio graduato o nelle apposite vaschette per stucco, fino a ottenere un impasto omogeneo e senza grumi.
  • Attendere 10 minuti per dare tempo agli ingredienti di amalgamarsi.
  • Stendere lo stucco sulle superfici con la spatola, partendo dal centro e allargandosi verso i bordi con movimenti regolari.
  • Applicare uno strato sottile e uniforme, senza eccedere per evitare crepe e avvallamenti.
  • Lasciar asciugare leggermente tra una passata e l'altra.
  • Dare almeno due passate per ogni area, per rendere lo stucco solido e compatto.
  • Lisciare ogni passata con cura, facendo attenzione ad angoli e dettagli. Avere pazienza in questa fase ripagherà con risultati impeccabili.

Come levigare lo stucco sul cartongesso

Una volta essiccato, lo stucco deve essere levigato per eliminare imperfezioni e segni: 
  • Attendere la completa essiccazione dello stucco, minimo 24 ore.
  • Levigare con carta abrasiva a grana fine (150-180), bagnandola leggermente.
  • Insistere sulle eventuali sbavature o accumuli, adoperando movimenti molto delicati.
  • Per le zone difficili da raggiungere usare una spugna abrasiva molto fine.
  • Pulire da residui di polvere fra una passata e l'altra.
  • Verificare che la superficie sia completamente liscia. 

La levigatura è un passaggio fondamentale, che può richiedere tempo. Una superficie ben levigata accoglierà meglio pitture e rivestimenti. 

Come verniciare il cartongesso dopo lo stucco 

Dopo la stuccatura e la levigatura, il cartongesso può essere verniciato per proteggerlo e decorarlo. 
  • Carteggiare leggermente per migliorare l'adesione della vernice.
  • Applicare una mano di primer specifico per uniformare l'assorbimento.
  • Stendere due mani di pittura acrilica con rullo a pelo corto o pennello, attendendo l'essiccazione tra una mano e l'altra.
  • Optare per pitture traspiranti, flessibili, lavabili, resistenti a umidità e abrasioni.

Conclusioni

Stuccare il cartongesso richiede pazienza, attenzione e gli attrezzi giusti. Seguendo i consigli e le tecniche illustrate, è possibile ottenere risultati impeccabili e duraturi. 
Riassumendo i punti fondamentali: 
  • Scegliere gli attrezzi adatti, di qualità e con caratteristiche specifiche per il cartongesso.
  • Applicare il nastro di carta a rinforzo delle giunture prima di stuccare.
  • Adottare la tecnica di stuccatura più indicata per ogni tipo di giunzione.
  • Preparare bene la superficie, applicando primer e sigillando viti e giunti.
  • Stendere lo stucco in strati sottili ma coprenti, lisciando con cura.
  • Dopo essiccazione, levigare accuratamente per ottenere una superficie liscia.
  • Verniciare infine con prodotti idonei al cartongesso 
Seguendo questi consigli, anche il principiante può realizzare una stuccatura perfetta. Per risultati professionali è però consigliabile rivolgersi a stuccatori esperti. 

 


 

 

<!-- HubSpot performance collection script --> <script defer src="https://static.hsappstatic.net/content-cwv-embed/static-1.717/embed.js"></script> <script> var hsVars = hsVars || {}; hsVars['language'] = 'it'; </script> <script src="/hs/hsstatic/cos-i18n/static-1.53/bundles/project.js"></script>