Cappotto interno antimuffa e soluzioni pareti umide contro muffa

L'umidità nelle pareti è un problema molto comune che può portare alla formazione di muffe e conseguenti problematiche igienico-sanitarie. Per risolvere questo problema in modo efficace è possibile intervenire installando dei cappotti interni o dei pannelli isolanti antimuffa appositamente studiati. 

In questo articolo analizzeremo nel dettaglio le cause dell'umidità nelle pareti, i danni che può provocare se trascurata e le migliori soluzioni sul mercato per risanare pareti umide ed eliminare il problema alla radice. 

 

I principali vantaggi del cartongesso in edilizia: scarica la guida!

Le cause dell'umidità nelle pareti 

L'umidità nelle pareti può avere origini differenti. Le principali cause sono:
  • Infiltrazioni d'acqua: possono derivare da perdite idriche, tubazioni rotte, infiltrazioni meteoriche da tetti, terrazzi o balconi. Provocano macchie e aloni di umidità localizzati.
  • Risalita capillare: l'acqua presente nel terreno risale attraverso le fondamenta e la muratura portante per capillarità. È più frequente nei seminterrati e negli edifici con scarsa protezione contro l'umidità di risalita.
  • Condensa: si forma quando il vapore acqueo presente nell'aria si trasforma in acqua a contatto con superfici fredde. Può comparire su pareti esterne mal isolate o ponti termici.
  • Umidità da costruzione: presente nelle murature di edifici recenti dovuta all'essiccazione lenta dei materiali edili impiegati. 
Individuare la causa specifica è il primo passo per intervenire in modo mirato ed efficace. Un tecnico specializzato può fare una diagnosi accurata e consigliare la soluzione migliore caso per caso. 

I danni provocati dall'umidità 

L'umidità persistente nelle pareti provoca diversi danni, tra cui: 

Comparsa di muffe 

La presenza prolungata di umidità favorisce la prolificazione di muffe, funghi microscopici che si nutrono della cellulosa presente nei materiali edili, producendo sostanze tossiche che possono causare allergie e disturbi respiratori. 
Le muffe appaiono sotto forma di macchie scure, spesso di colore verde o nero, con un tipico odore di chiuso. Tendono a svilupparsi negli angoli, dietro i mobili a ridosso delle pareti, su intonaci e rivestimenti. 

Distacchi superficiali 

I cicli continui di assorbimento e rilascio di umidità da parte delle murature causano tensioni interne ai materiali che possono portare a rigonfiamenti, cavillature, distacchi di intonaco, rivestimenti, tinteggiature. 
Si verificano soprattutto su intonaci interni di edifici storici soggetti ad umidità da risalita capillare. Anche i rivestimenti in cartongesso possono staccarsi dalla parete se soggetti ad umidità persistente. 

Degrado dei materiali 

Oltre a muffe e distacchi, l'umidità eccessiva accelera il degrado chimico-fisico dei materiali. 
Può portare alla lisciviazione degli intonaci con formazione di aloni, corrosione dei ferri di armatura del cemento armato, macchie su rivestimenti murali, rigonfiamento delle pitture, marcescenza del legno.

Tutti questi danni comportano un decadimento delle condizioni igieniche e del comfort abitativo, oltre che del valore economico dell'immobile. 

Le soluzioni per risanare le pareti umide 

Per risanare in modo duraturo pareti interessate da umidità di risalita, condensa o igroscopiche, le soluzioni più efficaci prevedono l'impiego di sistemi a cappotto o pannelli isolanti speciali, che fungono da barriera contro l'umidità preservando le murature. 
Analizziamo più nel dettaglio queste soluzioni. 

Cappotto interno antimuffa 

Il cappotto interno è un sistema a parete ventilata applicato all'interno, costituito da pannelli isolanti/antimuffa incollati ed eventualmente ancorati meccanicamente al supporto murario, e da uno strato di finitura interno. 

Come funziona 

Il suo funzionamento si basa sulla creazione di una intercapedine d'aria tra la muratura umida e l'ambiente interno che impedisce all'umidità di penetrare all'interno e protegge la parete. 
I principali vantaggi di questa soluzione sono: 

  • Azione isolante: grazie allo strato di materiale isolante, riduce la dispersione di calore, migliorando l'efficienza energetica
  • Effetto antimuffa: impedisce la proliferazione di muffe grazie all'impiego di pannelli con additivi antimuffa. 
  • Protezione dall'umidità: la parete ventilata blocca sul nascere l'umidità di risalita o da condensa. 
  • Miglioramento acustico: aumenta l'isolamento acustico grazie allo strato aggiuntivo.
  • Nessuna perdita di spazio: a differenza del cappotto esterno, non richiede interventi invasivi. 
  • Massima durabilità: se correttamente installato, il cappotto interno dura nel tempo senza necessità di ulteriori interventi di manutenzione. 
  • Costi contenuti: rispetto ad altri interventi di ristrutturazione, comporta costi tutto sommato ridotti. 
  • Valorizzazione immobiliare: aumenta il valore dell'immobile grazie al miglioramento estetico, del comfort e dell'efficienza energetica. 

I vantaggi 

Riassumendo, i principali vantaggi del cappotto interno antimuffa sono: 

  • Blocco efficace contro l'umidità e le muffe.
  • Azione isolante termica e acustica.
  • Nessuna perdita di spazio abitabile.
  • Veloce da installare.
  • Costi contenuti.
  • Massima durabilità nel tempo.
  • Valorizzazione dell'immobile.
  • Miglioramento del comfort e dell'estetica.

Pannelli isolanti per interni antimuffa 

In alternativa al cappotto interno è possibile installare dei pannelli isolanti speciali con azione antimuffa, da applicare direttamente sulle pareti umide. 

Tipologie e caratteristiche 

Esistono diverse tipologie di pannelli isolanti per interni con proprietà antimuffa: 
  • Cartongesso rivestito con fibra di vetro: rivestito da un’armatura in fibra di vetro e miscelato con speciali componenti, lo rendono particolarmente resistente agli agenti atmosferici, urti e abrasione.
  • Polistirene espanso sinterizzato: facile da tagliare e installare, leggero, resistente all'umidità, idrorepellente. 
  • Poliuretano espanso: eccellenti prestazioni isolanti, leggero, semplice da applicare.
  • Lana di roccia: efficace contro l'umidità, buon isolante termico, impiego facile.
  • Fibra di legno: isolante naturale, permeabile al vapore, antimuffa.
  • Sughero: ecologico, traspirante, buon isolamento termico e acustico. 
Tutti questi materiali sono disponibili con additivi antimuffa che prevengono attivamente la formazione di funghi e muffe sulla superficie. 

Modalità di installazione 

I pannelli isolanti antimuffa possono essere incollati o fissati meccanicamente (tassellati) alla parete umida, avendo cura di sigillare eventuali fessure con appositi materiali (guaine, nastri, collanti) per evitare infiltrazioni d'aria. 
È consigliabile applicarli installando una doppia lastra sfalsata, per una migliore continuità isolante. Dopo la posa, si ripristina la finitura con intonaco, cartongesso o altro materiale a scelta. 

Confronto tra cappotto interno e pannelli isolanti 

Entrambe le soluzioni offrono vantaggi simili nel risanamento di pareti umide, ma presentano alcune differenze: 

  • Il cappotto interno garantisce maggiore protezione grazie allo strato d'aria ventilata continuo. È più indicato in caso di umidità da risalita capillare.
  • I pannelli isolanti sono più versatili e facili da installare. Possono essere utilizzati anche per problematiche localizzate o su singole pareti. Costano mediamente di meno. 
Il cappotto interno ha prestazioni isolanti migliori, ma pannelli in cartongesso trattati per resistere all’umidità garantiscono comunque un buon isolamento. Entrambe le soluzioni migliorano l'isolamento acustico e prevengono la muffa. 
La scelta dipende da budget, tipologia di umidità, estensione del problema e obiettivi di riqualificazione energetica. Per casi complessi è meglio affidarsi ad una diagnosi di un tecnico esperto. 

Soluzioni specifiche: cartongesso antimuffa

Per problematiche di umidità e muffa localizzate, ad esempio in corrispondenza di ponti termici, un'ottima soluzione sono le lastre in cartongesso speciali con additivi antimuffa (vedi la nostra Lastra Cartongesso SECUROCK). 

Offrono numerosi vantaggi: 

  • Facili e veloci da installare senza interventi invasivi.
  • Ampia disponibilità di formati e tipologie.
  • Costi contenuti.
  • Buon isolamento termico e acustico.
  • Possibilità di inserire pannelli isolanti supplementari.

Basta installare le lastre con viti o colla sulla parete umida, sigillare le giunzioni con apposito stucco e realizzare la finitura superficiale. 

In caso di umidità di risalita diffusa però non garantiscono la stessa protezione di un cappotto interno, quindi vanno impiegati per problematiche circoscritte.

Come scegliere la soluzione migliore

Per scegliere il sistema più indicato caso per caso, è importante valutare diversi fattori: 

  • Tipologia e origine dell'umidità: infiltrazioni, risalita, condensa o umidità da costruzione richiedono soluzioni mirate. 
  • Estensione del problema: se localizzato o diffuso su tutta la parete/stanza.
  • Tipo di muratura: mattoni pieni, forati, pietra ecc. influiscono sull'intervento.
  • Obiettivi dell'intervento: solo risanamento umidità o anche riqualificazione energetica?
  • Budget disponibile: alcune soluzioni sono più costose di altre.
  • Tempistiche: se necessario un intervento rapido, o meno invasivo. 

In generale, per problematiche estese di umidità in risalita in edifici datati, il cappotto interno è la scelta migliore. Per situazioni circoscritte, l'applicazione di pannelli o cartongesso speciale può essere sufficiente.

Il consiglio è di rivolgersi a un professionista qualificato per identificare la causa del problema e il metodo più appropriato per risolverlo in modo efficiente e duraturo. 

Conclusioni

L'umidità nelle pareti va risolta tempestivamente per evitare gravi danni igienici, strutturali ed economici. Le soluzioni migliori che garantiscono risultati duraturi sono l'installazione di un cappotto interno antimuffa o di pannelli isolanti specifici per interni. 

Entrambi creano una barriera che blocca l'umidità, impedendo la formazione di muffe, migliorando l'isolamento termico ed acustico. Il cappotto interno è più indicato per umidità da risalita in edifici datati, i pannelli sono versatili e facili da applicare. 

Per problematiche circoscritte o su singole pareti, le lastre in cartongesso con additivi antimuffa rappresentano una soluzione efficace dal buon rapporto qualità/prezzo. 

Affidandosi ad una attenta diagnosi di un tecnico specializzato è possibile scegliere la soluzione ottimale per risanare le pareti umide ed eliminare definitivamente la causa del problema. 

<!-- HubSpot performance collection script --> <script defer src="https://static.hsappstatic.net/content-cwv-embed/static-1.717/embed.js"></script> <script> var hsVars = hsVars || {}; hsVars['language'] = 'it'; </script> <script src="/hs/hsstatic/cos-i18n/static-1.53/bundles/project.js"></script>